EQUI-UNITI SOTTO IL SEGNO DEL BLU

È uno sport strano il nostro: una passione che se ti sceglie, ti prende totalmente, senza chiedere permesso; un “passatempo” che ci pone con durezza davanti a noi stessi, alle nostre difficoltà, alle nostre ferite interiori. Ci fa credere in un sogno, ma non da soli, insieme a qualcuno di davvero speciale, che con il suo essere unico ci fa sentire unici, anche solo per quei secondi passati in sella. A volte è veramente faticoso fare conto con i nostri limiti, con ciò che di noi vorremmo cambiare, ma la passione equestre ci prepara anche a questo: ci lancia davanti ad un ostacolo, ma ci dà anche gli strumenti per superarlo, finalmente. E attenzione: non sono mai ostacoli, barriere tra noi e gli altri, tra noi e il mondo, ma tra noi e ciò che decidiamo di voler essere.

È proprio questo il motto di Equi-blu, un circuito di attività a cavallo in occasione della Giornata Mondiale della consapevolezza all’Autismo voluta dall’ONU e prevista in tutto il mondo il 2 Aprile. Il circuito ha come obiettivo principale la sensibilizzazione alla tematica dell’autismo e all’estrema importanza che ha il nostro amico cavallo nell’appoggio ai più deboli, a chi ha limiti che non ha scelto, ma che ogni giorno combatte contro di essi con l’aiuto di questo essere speciale.

Il 2 Aprile in 26 centri equestri partner di EQUITABILE®, si svolgeranno delle giornate dedicate alle magie e alle antiche connessioni che si possono instaurare e creare nell’approccio a questo animale così essenziale per la comprensione di noi stessi. EQUITABILE®, ente principale promotore dell’iniziativa, vuole addentrarsi attraverso Equi-blu nel rapporto uomo-cavallo per sottolineare che il cavallo è dotato davvero di quelle speciali doti che ci liberano dai nostri dilemmi interiori. Tra le tante attività previste in questa giornata, giri in carrozza, dimostrazioni in sella, competizioni in cui parteciperanno atleti normodotati e atleti diversabili, merende e chiacchiere in compagnia mentre un buon profumo di fieno avvolge i partecipanti: insomma, tanti buoni motivi per essere parte di un meraviglioso gruppo, e non sentirsi esclusi nelle proprie caratteristiche, pregi, difetti, storie.

“Niente di grande è stato fatto al mondo senza il contributo della passione” – diceva Georg Hegel. La passione fa muovere le acque, collega dove prima era impossibile, risana le ferite e ci fa credere nei nostri obiettivi. Ed ecco allora l’hashtag della vera passione che unisce noi tutti appassionati in occasione di questa giornata. Condividete un vostro selfie con il vostro amico cavallo (preferibilmente con un particolare blu, colore simbolo di questa giornata) scrivendo “Anch’io #equiblu! – Un selfie a cavallo per la Giornata Mondiale dell’Autismo” su facebook o instragram taggando @equiblu. E allora: pronti, partenza, via! Diffondiamo questo nostro eco fatto di tante univoche voci, insieme, nel nome della nostra grande passione.

 

Comments(0)

Leave a Comment